Cosenza: l’Istituto Abitacolo discute di “Culture e bellezza”

Viviamo una stagione caratterizzata da una sorta di “espressionismo volgare”, in cui le idee estetiche che vengono imposte sono tante e variegate. Ma come la cultura può contribuire a ritrovare una vera ed oggettiva idea di bellezza? Il tema è stato ampiamente discusso, a Cosenza, in un incontro promosso dall’Istituto Internazionale di Ricerca “Abitacolo” e che segue a quello del MAXXI di Roma. A Cosenza, intanto, presso il Museo delle Arti e dei Mestieri, è possibile visitare, fino al 22 febbraio, la mostra “mutazioni/In nome della bellezza”, a cura di Fernando Miglietta. L’Istituto Internazionale di Ricerca “Abitacolo” lancia un vero appello contro la bruttezza in Italia. E lo fa mostrando le opere dei maggiori protagonisti dell’arte, dell’architettura e della cultura italiana sull’esperienza della bellezza come forma della natura, della cultura e della storia. Sono tanti i modi di guardare alle molteplici forme della bellezza contemporanea, dall’arte alla città, al paesaggio, all’estetica della globalizzazione. La mostra “mutazioni/In nome della bellezza” propone il pensiero creativo di architetti e teorici, registi ed artisti, filosofi e critici.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/?p=34464