Autostrada: chiusura tra Altilia e Falerna da venerdì sera a lunedì

L’Anas comunica che, per lavori, dalle ore 23 di venerdi’ 15 aprile alle ore 6 di lunedi’ 18 aprile 2011, sara’ chiuso il tratto dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria compreso tra gli svincoli di Altilia-Grimaldi e Falerna. “Il provvedimento – spiega una nota – si rende necessario per consentire le attivita’ di demolizione delle vecchie gallerie Caccavo I e Caccavo II, nell’ambito dei lavori di realizzazione della nuova autostrada. Nelle ore di chiusura il traffico a lunga percorrenza, in direzione sud, verra’ deviato con uscita dall’autostrada allo svincolo di Cosenza Nord-Rende, proseguira’ sulla strada statale 107 e successivamente sulla strada statale 18, e rientrera’ in autostrada allo svincolo di Falerna. Percorso inverso per i veicoli in direzione nord. Il traffico locale in direzione Sud proseguira’, invece, fino allo svincolo di Altilia-Grimaldi”.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/autostrada-chiusura-tra-altilia-e-falerna-da-venerdi-sera-a-lunedi/

Giustizia: 83 nuovi magistrati in Calabria

Sono 83 i nuovi magistrati che hanno preso servizio nei tribunali della Calabria, 49 dei quali nel distretto di Corte d’Appello di Catanzaro e 34 in quello di Reggio. Nel distretto di Catanzaro, che conta otto tribunali, 30 sono i nuovi magistrati nei ranghi della giudicante e 19 in quelli della requirente, mentre in quello di Reggio, che ha tre sedi giudiziarie, 22 appartengono alla giudicante e 12 alla requirente. Nel dettaglio, al tribunale di Reggio Calabria entrano in servizio 17 nuovi magistrati, a Locri 12 ed a Palmi 5. Nel tribunale di Catanzaro i nuovi ingressi sono 8, 4 a Lamezia Terme e a Cosenza, 8 a Crotone, 5 a Vibo, 12 a Paola, 5 a Rossano e 3 a Castrovillari. Le immagini si riferiscono alla cerimonia di insediamento avvenuta nel tribunale di Reggio Calabria.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/giustizia-83-nuovi-magistrati-in-calabria/

Vibo Valentia: il rito dell’Affruntata e la ‘ndrangheta

La ‘ndrangheta non vuole rinunciare ad uno dei suoi privilegi, che la rende potente di fronte alla popolazione: scegliere gli uomini che devono portare a spalla le statue dei Santi nelle processioni. E quello dell’Affruntata, che si tiene in diversi comuni, soprattutto del vibonese, è un appuntamento molto sentito. Nell’Affruntata le statue raffiguranti Maria Addolorata, Gesù e San Giovanni vengono portate a spalla per simboleggiare l’incontro dopo la resurrezione di Cristo. A seguito delle polemiche dell’anno scorso, quando la processione a Sant’Onofrio, alle porte di Vibo Valentia, fu rinviata, una riunione, in Prefettura, del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica ha sancito che il trasporto dei Santi deve essere affidato ai volontari della Protezione Civile e alle squadre di calcio locali. Nei giorni scorsi però entrambi i presidenti delle squadre locali sono stati minacciati. Da ricordare che nel Comune di Sant’Onofrio l’anno scorso erano stati sparati anche dei colpi di pistola contro la casa del Priore. Il Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, Mons. Luigi Renzo, solo 10 giorni fa aveva lanciato l’allarme contro nuovi tentativi di infiltrazione della ‘ndrangheta nelle cerimonie religiose. Adesso arriva l’aut-aut del Prefetto di Vibo Valentia, Luisa Latella: o tutto si svolgerà all’insegna della legalità o a sfilare portando le statue saranno carabinieri, poliziotti, finanzieri e vigili del fuoco.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/vibo-valentia-il-rito-dellaffruntata-e-la-ndrangheta/

Reggio Calabria: Operazione Raccordo, due fermati

I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione a due fermi nei confronti di esponenti della cosca Crucitti, che domina la zona a nord-est della città e gravita nell’orbita del gruppo De Stefano-Tegano. Si tratta di Santo Crucitti, 48 anni, imprenditore edile, considerato “capo locale” della ‘ndrangheta, e del suo luogotenente, Salvatore Mario Chilà, 48 anni. I due sono accusati di una lunga serie di estorsioni e danneggiamenti ai danni di imprenditori e commercianti, con lo scopo di acquisire il controllo delle loro attività economiche. Ma avrebbero anche ostacolato i tentativi di esponenti della società civile nel creare associazioni socio-culturali per lo sviluppo del territorio e la presa di coscienza nella lotta alla mafia. Ricordiamo che proprio nel febbraio scorso un imprenditore impegnato in questo senso, Tiberio Bentivoglio, fu pesantemente intimidito. Nell’indagine che ha portato ai due fermi è indagato anche un sacerdote. Si tratta di Don Nuccio Cannizzaro, che avrebbe reso false dichiarazioni nel corso del processo contro Santo Crucitti.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/reggio-calabria-ndrangheta-due-fermati-della-cosca-crucitti/

Cosenza: Suor Elena Aiello, letto il decreto di Beatificazione

Nella Chiesa della Casa Madre della Suore Minine della Passione, in via dei Martiri a Cosenza, è stata data lettura del decreto sul miracolo attribuito all’intercessione di Suor Elena Aiello. Con questo atto si da’ ufficialmente il via alla programmazione per la celebrazione di beatificazione, che si svolgera’ a Cosenza nei prossimi mesi e cadra’ nell’ambito delle celebrazioni per i 50 anni della morte della Venerabile, avvenuta il 19 giugno del 1961, e a trent’anni dalla dichiarazione di venerabilita’. Alla celebrazione era presente anche la giovane donna miracolata per intercessione della Venerabile Elena Aiello.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/cosenza-suor-elena-aiello-domani-lettura-decreto-di-beatificazione/