Regione Calabria: dismesse le funzioni ospedaliere di 6 strutture

Sono sei le strutture in Calabria oggetto dei provvedimenti del Piano di rientro che prevede la dismissione delle funzioni ospedaliere. Dopo gli ospedali di Chiaravalle e Soriano, informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta regionale, ad essere dismessi sono stati quelli di Taurianova e Siderno, oggetto della visita, questa mattina, del Governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti. Nel corso del sopralluogo il Presidente ha illustrato dati e cifre. All’ospedale di Siderno su 22 posti letto erano impiegate 85 unità ed un costo complessivo di 431.000 euro a posto letto annuo, molto alto rispetto alla media che va da 120.000 a 180.000 euro. La struttura aveva una produzione di 3,5 milioni di euro ed un costo complessivo di 9,5 milioni. A Taurianova erano 18 i posti letto al 2009 con un personale di 93 unità ed un costo complessivo di 411 euro a posto letto annuo. Produzione di 1,3 milioni di euro e costo complessivo di 7,4 milioni. Palmi, Siderno, Chiaravalle, San Marco Argentano, Soriano e Taurianova sono le 6 strutture trasformate in punti di primo intervento. San Marco Argentano e Palmi cesseranno a breve le funzioni ospedaliere.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/regione-calabria-dismesse-le-funzioni-ospedaliere-di-6-strutture/

Vibo Valentia: azienda romana apre 5 sedi di telelavoro

Operare in un call center non è sempre sinonimo di lavoro sottopagato e precario. Questo dice la Provincia di Vibo Valentia che, insieme all’Assessorato al Lavoro della Regione Calabria, ha presentato la Infocontact, una società romana di telelavoro che ha già diverse sedi operative in Calabria. Adesso vuole aprirne altre 5, tutte in provincia di Vibo Valentia, nei comuni di Stefanaconi, Cessaniti, Soriano, Serra San Bruno e Mileto. Previsto, inoltre, lo sviluppo di una rete wi-fi per il collegamento ad internet ad alta velocità, funzionale alle attività di telelavoro in programma. L’azienda è operativa da oltre 3 anni e impiega attualmente circa 2.000 dipendenti con un’età media di 27 anni. Tra i suoi committenti conta società del calibro di Telecom, Eni, Wind, Poste Mobile, Tre e Vodafone.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/vibo-valentia-azienda-romana-apre-5-sedi-di-telelavoro/

Cosenza: un seminario di Programmazione Neuro-Linguistica

Per la prima volta a Cosenza si terrà un seminario dedicato alla Programmazione Neuro- Linguistica. Il nome è difficile, ma la sostanza è molto semplice: si vogliono rendere noti i piccoli trucchi che rendono facile comunicare e, comunicando, affascinare e conquistare le persone, attraverso una comunicazione efficace ed efficiente. Diffusi soprattutto nel mondo anglosassone, utilissimi nel campo professionale, questi seminari sono una vera innovazione per l’Italia. Sono tenuti da Stefano Passalacqua, esperto di Programmazione Neuro-Linguistica e autore di diverse pubblicazioni sull’argomento. Il seminario si svolgerà sabato 9 aprile all’Hotel Holiday Inn di Cosenza.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/cosenza-un-seminario-di-programmazione-neuro-linguistica/

Rombiolo: un albero per ogni bimbo nato

Tra il 2005 e il 2009 a Rombiòlo, in provincia di Vibo Valentia, sono nati 188 bambini. L’amministrazione comunale ha deciso di perpetuare una vecchia tradizione: piantare un albero per ogni bimbo. In collaborazione con l’Afor, l’ente calabrese che si occupa delle opere di forestazione, sono stati piantati i primi alberelli, che dovranno poi diventare pian piano un vero boschetto. Un modo per sensibilizzare tutti al rispetto della natura.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/rombiolo-un-albero-per-ogni-bimbo-nato/

Cosenza: senza stipendio, dipendenti casa di cura protestano

Non ricevono lo stipendio ormai da più di un anno, nonostante le varie rassicurazioni avute dalle istituzioni e dai sindacati. E così i dipendenti della Casa di Cura Villa Ortensia di Cosenza hanno deciso di effettuare una protesta disperata. Alcuni sono anche saliti sul tetto della struttura, che si trova nel centro della città, minacciando di lanciarsi nel vuoto. Una società si sarebbe recentemente offerta di rilevare la clinica, da tempo in crisi, ma non si capisce bene perchè l’accordo poi non sia andato in porto.

Permanent link to this article: https://www.wdi.it/584/