Reggio Calabria: maxi confisca di beni al clan Alvaro

Varrebbe 55 milioni di euro, il Cafè de Paris di Via Veneto, a Roma. E’ stato confiscato dalla Procura di Reggio Calabria, dopo che già era stato sequestrato dagli uomini della Guardia di Finanza. Il noto locale capitolino, così come anche diversi altri, sarebbe di proprietà della cosca Alvaro. Quando due anni fa il locale fu sequestrato, si scoprì che un aiuto cuoco del ristorante, Vincenzo Alvaro, in realtà era la mente dell’organizzazione criminale. E che il locale era il capofila di una vera catena, formata da decine di società operanti nella ristorazione, rilevate a poco prezzo. Il Cafè de Paris, per esempio, fu acquistato per soli 250.000 euro. In tutto sono state confiscate alla cosca Alvaro una quindicina di società, per un valore di circa 200 milioni di euro. C’è anche il ristorante George’s, che da solo varrebbe 50 milioni di euro. Ma ci sono anche palazzi, autovetture di lusso, conti correnti bancari e postali e denaro contante.

Permalink link a questo articolo: https://www.wdi.it/reggio-calabria-maxi-confisca-al-clan-alvaro/