Rende: falsi esami all’Università della Calabria?

Anomalie nella registrazione degli esami all’Università della Calabria. Il sospetto che ci siano stati dei brogli è però concreto, se è vero, come è vero, che alcuni docenti non hanno riconosciuto la loro firma sugli statini d’esame. Il Rettore, Giovanni Latorre, ha tenuto una conferenza stampa per annunciare ufficialmente che è in corso un’inchiesta della Procura di Cosenza. Il Rettore ha anche sottolineato che solo nel 2010 sono stati 162.000 gli esami sostenuti e registrati. Si fanno sempre dei controlli di routine. Ed è proprio così che è emerso, a marzo, che per un esame del 18 luglio 2007, riguardante una materia della Facoltà di Lettere e Filosofia, non c’era riscontro tra statino dello studente e registri ufficiali. Allertata la facoltà, il relativo docente non ha riconosciuto come sua la firma presente sullo statino. E’ stata informata la Procura di Cosenza, che adesso sta conducendo controlli in tutte le facoltà dell’ateneo. Lo studente, dal cui statino si è originata l’inchiesta, non si è ancora laureato. Il sistema informatico potrebbe anche avere delle falle, ha detto il Rettore, ma il problema vero è che i docenti in questo caso non hanno riconosciuto le loro firme. L’inchiesta dunque potrebbe riservare delle sorprese.

Permalink link a questo articolo: https://www.wdi.it/rende-falsi-esami-alluniversita-della-calabria/