Cosenza: Dub Fx in concerto al Festival delle Invasioni 2018

Musica, spettacolo e tanto divertimento: è il Festival delle Invasioni, a Cosenza.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34881

Cosenza: Comune, il commiato del Prefetto Gianfranco Tomao

Ultimi giorni di permanenza a Cosenza del Prefetto Gianfranco Tomao, che ha ricevuto un nuovo incarico in altra sede. Tra i saluti istituzionali del Prefetto c’è stata anche la visita al sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, con il quale ha condiviso tanti momenti, a volte anche difficili, e decisioni importanti, mettendo sempre al centro il bene comune. Un’attività in cui il Prefetto Tomao ha messo tanta determinazione, capacità, impegno ma anche tanto cuore, andando ben oltre i suoi doveri istituzionali. Per questo e per il legame profondo che Gianfranco Tomao ha creato con la città ed i cittadini, il sindaco Mario Occhiuto ha proposto, al Consiglio comunale, il conferimento della cittadinanza onoraria.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34878

Cosenza: Festival delle Invasioni, Carl Brave x Franco 126

Invasioni di ragazzi in Piazza 15 Marzo, nel centro storico di Cosenza, per il concerto di Carl Brave x Franco 126, fenomeno della nuova scena hip-hop italiana. Il loro album d’esordio, “Polaroid”, ha conquistato il pubblico con velocità istantanea. Decretato disco del 2017 da Rolling Stone e certificato disco d’oro, ha sancito un successo che si è tradotto in veri e propri bagni di folla durante i concerti, e così è stato anche a Cosenza. Ad accompagnarli dal vivo una “big band”, sempre più solida e abile nel vestire i brani dei “due fiori cresciuti in mezzo ai sanpietrini” di un sound ancora più denso e grondante groove. Nelle loro canzoni la città eterna esce dalla solita retorica in cui è intrappolata nell’immaginario collettivo e diventa una metropoli contemporanea, cosmopolita, carica di contraddizioni e per questo ancor più poetica. Nel corso della serata, i pezzi scritti e prodotti in una mansarda trasteverina e poi pubblicati su youtube di getto, spinti dall’urgenza di dire e fare, hanno letteralmente ammaliato migliaia di giovani. Carl Brave x Franco 126 sono il volto dei tempi che cambiano, della comunicazione immediata e veloce di immagini lampo della vita di tutti i giorni, piccoli dettagli e situazioni tra le cui trame si annida la magia del quotidiano. E tutto questo viene tradotto in musica.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34876

Cosenza: Villa Rendano, il teatro a “Sere d’Estate”

A Villa Rendano, il terzo appuntamento di “Sere d’Estate” è stato dedicato al teatro. “Libertà tra musica e parole”: questo il titolo del recital degli attori romani Francesco Castiglione e Valeria Zazzaretta, volti noti nel cast della fortunata serie televisiva Rai ”Don Matteo”. Sulle musiche originali eseguite dal vivo al pianoforte dal Maestro Francesco Perri, è stato sviluppato un raffinato omaggio poetico alla cultura italiana del ‘900 attraverso più linguaggi artistici. Dalla Grande Guerra all’emigrazione oltreoceano, la povertà di un Paese tutto da ricostruire, l’instancabile voglia di cercare il sole attraverso l’amore, l’ironia ed i sentimenti. Ai numerosi ospiti intervenuti è stata offerta la possibilità di visitare gratuitamente il Museo Multimediale Consentia Itinera.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34874

Castrovillari: Parco del Pollino, presentato “Italus”, l’albero più antico d’Europa

Si trova a quasi 1900 metri d’altezza, per qualche metro nel versante calabrese del Parco Nazionale del Pollino. Raggiungerlo è una vera impresa, che non ha però spaventato i ricercatori, che lo hanno chiamato “Italus”. E’ un pino loricato alto quasi 15 metri. Ed è qui da almeno 1230 anni. Lo si è scoperto con un metodo innovativo, che combina la dendrocronologia e la datazione al radiocarbonio di campioni di tronchi e radici. La sua età ne fa l’albero più vecchio d’Europa. “Italus” è stato esposto a fulmini, nevicate e chissà quali altre calamità, nella sua lunga vita. La sua cima è secca, ma il tronco invece è vivo. Il Parco Nazionale del Pollino si candida davvero, adesso, ad essere una delle aree più interessanti d’Europa.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34871