Feb 21 2018

Rende: Unical, l’Unione Ciechi e la scrittura Braille

Oggi ricorre la XI Giornata nazionale del braille, la scrittura tattile che ha consentito ai non vedenti di eliminare una grossa barriera che li divideva da lettura e apprendimento. All’Università della Calabria si è svolto il simposio “Il braille: una via d’accesso alla Cultura, all’Umanità, alla Vita”, promosso dal Consiglio Regionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, in collaborazione con il Servizio Studenti con Disabilità, DSA e BES dell’ateneo e con le cinque sedi calabresi dell’Unione Ciechi. La manifestazione intende focalizzare l’attenzione sull’importanza che i “puntini” pensati da Louis Braille rivestono per chi ha problematiche visive. La scrittura braille ha avuto un’enorme importanza nell’ambito formativo, promuovendo autonomia e una vera integrazione per i non vedenti. Da qui la necessità di una didattica appropriata. La Calabria, come, purtroppo, molte altre regioni italiane, ha ancora molto cammino da fare in direzione della vera integrazione.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34480

Feb 20 2018

Cosenza: Camera di Commercio, concluso progetto “Crescere Imprenditori”

Con la presentazione di 75 business plan, elaborati da giovani aspiranti imprenditori della provincia di Cosenza, la Camera di Commercio ha salutato la conclusione del progetto “Crescere Imprenditori”. Nel corso della serata sono stati presentati anche i risultati del “Premio eccellenze calabresi”, giunto alla terza edizione e organizzato dalla Camera di Commercio di Cosenza in collaborazione con l’Ordine dei Commercialisti di Castrovillari.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34478

Feb 19 2018

Roggiano Gravina: il Carnevale della Valle dell’Esaro 2018

Roggiano Gravina, per il secondo anno consecutivo, ha aggregato i Comuni della Valle dell’Esaro per celebrare insieme il Carnevale. E’ stata una bella occasione, soprattutto per il messaggio che è stato lanciato, ovvero partire da un momento ludico e di intrattenimento collettivo per aprire un dialogo tra i comuni limitrofi, utile per far crescere tutto il territorio. All’evento quest’anno erano presenti i Comuni di San Marco Argentano e San Sosti, che, attraverso le loro coloratissime maschere e i pittoreschi carri, oltre a lanciare un messaggio di aggregazione e condivisione, hanno rappresentato un ottimo esempio di sinergia istituzionale che esce dallo stereotipo del campanile e proietta all’esterno un unico territorio. Il Carnevale della Valle dell’Esaro è andato avanti fino a tarda sera. In un’atmosfera di festa, Roggiano ha accolto tanti visitatori, regalando suoni, colori e musiche, tra pittoresche maschere e suggestivi carri carnascialeschi. Adesso si aspetta una maggiore attenzione da parte delle istituzioni sovracomunali. E chissà, forse già dal prossimo anno l’evento potrà entrare a far parte degli eventi storicizzati della Regione Calabria.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34476

Feb 19 2018

Mendicino: Fondazione Carical, presentato il nuovo libro di Tarditi

La tutela del paesaggio italiano, e calabrese in particolare, è al centro del volume “Paesaggi e storia in Calabria – Cosenza, luoghi e identità”, di Emilio Tarditi, edito da Pellegrini. Alla presentazione, curata dalla Fondazione Carical, erano presenti anche Salvatore Di Fazio, docente dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, che ha curato la prefazione del volume, e il docente dell’Unical Rosario Chimirri. La sensibilizzazione alla lettura e ai temi culturali è uno degli obiettivi principali che, da sempre, si prefigge la Fondazione Carical. E ambiente e paesaggio oggi sono tematiche particolarmente sentite.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34474

Feb 17 2018

Cosenza: Museo dei Brettii e degli Enotri, archeologia e cibo

La programmazione 2018 del Museo dei Brettii e degli Enotri di Cosenza è iniziata con una conferenza che ha esplorato il legame tra archeologia e cibo, partendo dall’esempio degli scavi archeologici di Nora in Sardegna. Il legame tra cibo e archeologia è un tema che, oltre ad aver suscitato l’interesse del grande pubblico in occasione di Expo 2015 di Milano, è sempre stato oggetto di attenzione da parte degli archeologi per le straordinarie possibilità di approfondimento che offre alla conoscenza del mondo antico. Da qualche anno, infatti, grazie ad un’attività di ricerca molto accurata, fatta di indagini specialistiche sui residui organici e analisi dei dati archeologici, si riescono a stabilire i luoghi di produzione e di consumo, le modalità di preparazione degli alimenti, gli scambi di materie prime o trasformate.

Permanent link to this article: http://www.wdi.it/?p=34468